mercoledì 18 aprile 2012

Omeopatia: cos'è e come agisce

 
 
Oggi spesso si sente parlare di omeopatia ed il messaggio non è univoco.
Chi non la conosce la denigra sostenendo che non è possibile una azione terapeutica non mediata da una "congrua" quantità di sostanze chimiche.
Al polo opposto ci sono alcuni entusiasti che pretenderebbero che tutto si possa curare con l'omeopatia.
Penso che sia una polemica sterile.
Ogni problema può essere affrontato con vari mezzi, e sarebbe opportuno graduare la risposta in base alle diverse esigenze del paziente, proponendo la terapia meno aggressiva possibile.

Che un messaggio necessiti obbligatoriamente di un substrato ponderale non è necessariamente vero.
Le email non svolgono egregiamente i compiti un tempo eseguiti dalle lettere ?
Eppure le email non hanno nessun supporto cartaceo...




Ma che cos'è l'omeopatia ?

OMEOPATIA è una metodica terapeutica che si serve di farmaci capaci di produrre nel soggetto sano gli stessi sintomi che occorre curare.

Il farmaco omeopatico viene prodotto a partire da sostanze base di origine vegetale, minerale o animale e per essere tale deve essere diluito e dinamizzato, ovvero sottoposto a scosse alternate a diluizioni.









La medicina omeopatica è molto utile nell’affrontare i problemi pediatrici

Tuttavia non esiste un rimedio specifico per la singola "malattia", ma centinaia di possibilità terapeutiche che scaturiscono dalla valutazione delle diverse situazioni costituzionali e sintomatologiche che i bambini presentano.

La scelta di un rimedio deve valutare i sintomi più caratteristici che non sono riferibili unicamente al problema contingente (sonno, febbre, dolore, etc ) ma a un complesso di elementi che si riferisca alla biografia del bambino.

La scelta del farmaco omeopatico è quindi  strettamente individuale ed è connessa con elementi che uniscono la storia del bambino con i suoi sintomi.








                                 Scarica il libro ( da Farmacia S.Antonio)


ma ci sono basi scientifiche per l'omeopatia ?
Il premio Nobel Luc Montagnier sostiene di si:




Nessun commento:

Posta un commento