sabato 26 novembre 2011

LA TOSSE

Cos'è la tosse?

..... la disperazione di mamme e ...pediatra
 




La tosse è una difesa naturale del corpo. Non consiste solo nell'emettere rumorosamente aria dalla bocca, ma è una catena di eventi, alcuni volontari altri spontanei (incontrollati), con l'aumento momentaneo della pressione dell'aria nelle vie aeree e la successiva espulsione di quest'aria ad alta velocità

Ci sono due categorie di tosse: una detta "produttiva" ("grassa") provocata dal catarro accumulato, e l'altra "secca", senza catarro. La tosse è un sintomo fastidioso che può disturbare il sonno del bambino e a volte provocargli il vomito .

Cosa fa (è utile)?
La tosse serve per liberare le vie respiratorie da qualcosa che le ostruisce: muco in eccesso, un piccolo oggetto, una sostanza irritante, etc.: é il tentativo di espellere tutto ciò che disturba il normale respiro.
Le cilia vibratili catturano e fanno risalire verso l' alto le piccole particelle estranee inalate e catturate dal muco.
 



Quando il muco, con le particelle catturate è abbastanza, si innesca il meccanismo di espulsione.

Lungo le pareti delle vie respiratorie vi sono dei recettori (delle specie di sentinelle) che, in presenza di muco eccessivo o di altre sostanze, inviano un segnale al cervello dove c'è un centro che regola la contrazione involontaria di alcuni muscoli che servono per comprimere l'aria nelle vie aeree. Durante questa compressione la glottide rimane chiusa, ma appena si è formata abbastanza pressione la glottide si apre e permette l'espulsione rapida, forte e rumorosa di aria. Questa violenta fuoriuscita d'aria è solitamente sufficiente per portare con sé le sostanze che ostruiscono le vie aeree. 



Cosa la causa?
Sono molte le cause della tosse nei bambini. Tra le più comuni ci sono le infezioni delle prime vie aeree (es. faringotonsillite, bronchite, laringite, etc.) che sono provocate da virus o batteri; ma possono provocare la tosse anche le sostanze nocive irritanti (es. fumo), gli oggetti o i liquidi inalati accidentalmente (es. bottoni o saliva), e persino alcune situazioni fortemente emotive.

Il contatto con altri bambini (a scuola, durante i giochi) aumenta moltissimo l'esposizione a germi o virus  che causano la tosse; per questo è un fenomeno così frequente nei bambini tra i tre e i sei-sette anni di età, quando incominciano a vivere in comunità. 

Le infezioni delle vie respiratorie spesso causano un aumento delle secrezioni (muco, catarro); queste si accumulano finché le ciglia presenti sulla superficie mucosa le spingono verso l'esterno.

Quando la presenza di secrezioni è eccessiva si scatena il riflesso della tosse, che, in questa circostanza, è "produttiva".
In altri casi, invece, può essere sufficiente la sola irritazione della mucosa delle vie respiratorie, pur in assenza di muco, a scatenare la tosse "secca".

Il più delle volte la tosse nei bambini dura pochi giorni,perché le infezioni non sono gravi. Se dovesse persistere per oltre due settimane (tosse cronica), la causa potrebbe essere più seria e varia (es. pertosse, inalazione di un piccolissimo corpo estraneo, disturbi emotivi, reflusso gastroesofageo, etc.).


Cosa si può fare per un bambino che ha la tosse?
Innanzitutto, far bere molta acqua (o altri liquidi) per rendere il muco fluido e quindi più facilmente eliminabile. Bere può avere un effetto emolliente, trasformando la tosse "secca" in tosse "produttiva".
Un apporto elevato di liquidi è importante anche per evitare la disidratazione che può verificarsi nei bambini malati, in particolare quando hanno anche la febbre. Anche le bevande calde (tiepide, non bollenti!) possono essere utili per sciogliere il catarro facilitandone l'eliminazione.
L'aggiunta di miele alla bevanda può alleviare il bruciore in gola che spesso accompagna la tosse; analogo effetto si può ottenere con le caramelle (che però non vanno date ai bambini troppo piccoli, poichè le possono inalare: caramella in trachea!).
L'umidificazione dell'ambiente è un altro rimedio utile per inumidire le vie aeree e "sciogliere" il catarro. Una variazione di questo rimedio è l'inalazione di vapore quando l'età del bambino lo permette:  è sufficiente scaldare dell'acqua, versarla in una bacinella e far respirare il vapore al bambino (che non deve essere troppo vicino all'acqua: è l'ambiente che deve essere umidificato, non il bambino scottato!) L'aggiunta di sostanze balsamiche all'acqua può risultare dannosa al bambino, perché alcune possono aumentare l'irritazione delle vie aeree.

NON UTILIZZARE PRODOTTI BALSAMICI NEI PIU' PICCOLI

Nella mia esperienza ho verificato che l' Olio essenziale di Malaleuca alternifolia ( Tea Tree ) è efficace e ben tollerato. Può essere utilizzato per :


- Suffumigi. Versare 5 gocce di olio essenziale di melaleuca in una bacinella riempita con acqua bollente. Appena il vapore non è più bollente, fate fare delle inalazioni ai bambini con la testa coperta da un asciugamano sopra la bacinella, per 10 minuti.
- Frizioni sul petto. Se i bambini sono troppo piccoli per i suffumigi, unite invece 2 gocce dello stesso olio essenziale a 2 cucchiai di olio di mandorle e frizionate il petto.

La Malaleuca favorisce anche la respirazione notturna
Per evitare che i bambini si sveglino durante la notte a causa del naso chiuso, spruzzate 2 gocce di olio essenziale di melaleuca sul cuscino. Decongestiona le cavità nasali.

Norma principale è evitare che il bambino sia esposto a sostanze irritanti come il fumo, la polvere, etc.; questa norma di comportamento dovrebbe essere adottata sempre e per tutti, ma in particolare quando il bambino ha la tosse. Non è necessario costringere il bambino a mangiare se non ne ha voglia; solo se l'inappetenza dovesse persistere occorre contattare il medico.

Lo scolo retronasale è una delle cause più frequenti di tosse , ecco perchè la accurata pulizia delle fosse nasali è molto spesso necessaria.

Il lavaggio nasale si effettua con Soluzione Fisiologica , soluzione di cloruro di sodio ( il sale da cucina ! ) in acqua e precisamente 9 grammi di Cloruro di Sodio in un litro di acqua.
I flaconcini monouso sono tra i prodotti più utilizzati. Sono sicuramente molto comodi , ma hanno un costo spropositato  .

Si può prepararla da soli ( due cucchiaini da caffè rasi in un litro di acqua ) o , per essere più precisi , ma ad un costo accettabile, si può acquistare in farmacia un flacone da 250 ml o da 500 ml di Soluzione Fisiologica .
Si preleva con una siringa il quantitativo necessario.



I tanti soldi così risparmiati possono più proficuamente essere utilizzati per l' acquisto del  Rino Wash,  una ampolla specifica per la produzione di particelle di diametro adatto ad agire esclusivamente sulle vie aeree superiori.



Questo utilissimo accessorio può essere utilizzato con qualsiasi apparecchio aerosolico di tipo pneumatico ( cioè NON ad ultrasuoni ).
 
Quando bisogna ricorrere ai farmaci e quali sono veramente utili?
Spesso si pensa che la tosse debba essere trattata non appena insorge, ma questo non è vero proprio perché la tosse è un meccanismo di difesa del corpo e non una malattia; inoltre il più delle volte non ha cause gravi e dura pochi giorni. Se comunque occorre intraprendere un trattamento bisogna ricordare i due tipi di tosse, "produttiva" e "secca", perché richiedono trattamenti diversi.
Esistono molte preparazioni per la tosse che hanno diversi nomi: gli espettoranti, i mucolitici, i sedativi della tosse. 

Gli espettoranti ed i mucolitici servirebbero per trattare la tosse "produttiva", perché aumentano le secrezioni nelle vie respiratorie rendendole più fluide e perciò più facilmente eliminabili. Purtroppo questi farmaci non sempre si sono dimostrati utili ed il loro impiego è basato più sulla tradizione che sulla loro dimostrata efficacia. 

       NEI BAMBINI SOTTO I DUE ANNI NON DEVONO ESSERE USATI



I sedativi della tosse bloccano il riflesso della tosse e impediscono che il bambino senta il bisogno di tossire.
Questi farmaci sono efficaci, ma non vanno somministrati a bambini al di sotto di un anno di età e inoltre devono essere assunti solo quando veramente necessario e comunque solo quando la tosse è insistente, irrita il bambino, lo affatica (ed è "secca"). 
Bisogna ricordare che sopprimere la tosse per più di qualche giorno può mascherare una malattia sottostante o comunque protrarre la diagnosi del medico.
Il farmaco più efficace e sicuro è il destrometorfano.

I preparati che contengono miscele di sedativi e mucolitici  sono illogici .
Queste associazioni espongono il bambino a sostanze spesso non necessarie, in quantità non adatte e con il rischio di maggiori effetti collaterali non necessari: la combinazione di un espettorante e di un sedativo della tosse è proprio da evitare!

Da non somministrare di propria iniziativa

 


Gli antibiotici non vanno assolutamente somministrati ai bambini se non sono stati prescritti dal medico. Gli antibiotici sono efficaci solo contro i batteri, mentre contro i virus sono completamente inutili. Nei bambini, il più delle volte la tosse è causata dai virus e non dai batteri, quindi, dando un antibiotico non necessario ad un bambino (ma anche ad un adulto) lo si espone senza alcuna ragione sia a farmaci inutili che ai loro effetti indesiderati.

Se il bambino ha una tosse "produttiva", cosa fare?
La tosse "produttiva" consente di espellere catarro perciò non bisogna reprimerla somministrando farmaci. Gli espettoranti ed i mucolitici non sono efficaci ed i sedativi della tosse, se somministrati ad un bambino con tosse "grassa", possono causare la ritenzione delle secrezioni, e questo può essere dannoso. L'unica cosa da fare è aiutare la tosse ad eliminare il catarro con una maggiore idratazione.
 
Se invece il bambino ha una tosse "secca", cosa fare?
A volte è proprio la tosse "secca" ad essere fastidiosa perché può irritare la gola o impedire ad un bambino di dormire. Se diventa un problema perché ostacola il riposo del bambino (e NON quello dei genitori!), gli si può somministrare per pochi giorni uno sciroppo con destrometorfano (e che contenga solo questo, non altre sostanze!)
 
In quali circostanze rivolgersi al medico?

Quando il bambino ha pochi mesi e la tosse è presente da oltre due giorni.
Quando la tosse è forte ed improvvisa e c'è possibilità che il bambino abbia inalato un oggetto.
Quando, durante un attacco di tosse le labbra del bambino diventano bluastre.
Quando il bambino respira rapidamente o con difficoltà.
Quando la tosse fa dei rumori diversi dal solito (il bambino sembra che "abbai" o "fischi").
Quando la tosse è accompagnata da febbre per più di 3 o 4 giorni.

E poi... Consultare il dottore se:
il bambino avverte una sensazione di restringimento al petto o dolore nel tossire;
il catarro è colorato;
la tosse persiste per più di 10-15 giorni;
Il bambino è molto infastidito o appare affaticato (in generale o in seguito ad un accesso di tosse);
Infine, se il genitore è molto preoccupato per qualche motivo.

Nessun commento:

Posta un commento